lunedì 11 dicembre 2017 05:05:59
omniroma

COMUNE, MORÌ IN ATTENTATO A LONDRA: INAUGURATA VIA BENEDETTA CIACCIA

15 dicembre 2015 Cronaca

Il sub commissario Camillo De Milato e il presidente del Municipio XIV, Valerio Barletta, hanno inaugurato via Benedetta Ciaccia, una strada in zona Selva Candida dedicata alla ragazza morta negli attentati terroristici di Londra nel 2015. La cerimonia è iniziata con l'esecuzione della canzone “Quanto sei bella Roma” da parte del coro presente per l'occasione. È poi proseguita con l'intervento dei familiari e la lettura, da parte della sorella di Benedetta, di due poesie scritte da un'amica della vittima e dai suoi parenti. Successivamente, è stata scoperta la targa che ricorda l'intitolazione della via alla vittima degli attentati di Londra che proprio oggi avrebbe compiuto 41 anni. Al termine della preghiera e della benedizione della targa è stato piantato un alberello proprio all'inizio della strada. Il presidente Barletta, intervenendo per primo, ha voluto sottolineare come “il fatto che ci sia la città a ricordare Benedetta dia il senso del tempo che non muore mai, così come il valore della vita”. Un invito alle istituzioni è stato invece rivolto dal padre di Benedetta, Roberto Ciaccia: “Spero che oggi si faccia qualcosa come un asilo nido o un parco giochi per tenere in vita la via”. Il sub commissario De Milato ha voluto invece “sostenere il padre di Benedetta nella sua lotta”. “Ci sono tanti italiani all'estero – ha continuato – che ci fanno fare bella figura e lei era una di questi, era l'orgoglio dell'Italia”. De Milato ha poi provato a rispondere al padre della ragazza
, promettendo di “chiedere ad Acea di mettere qualche punto luce in questa via”. Alla cerimonia hanno partecipato anche l'associazione in memoria delle vittime dell'11 settembre e il forum per la sicurezza di Roma in memoria di Benedetta Ciaccia. Anche l'as Roma ha voluto rendere omaggio a Benedetta, “tifosa romanista”, donando alla famiglia una maglia di Totti firmata e con il nome in “segno di vicinanza”.