sabato 21 ottobre 2017 18:10:34
omniroma

COMUNE, DUE LE POLIZZE PER RAGGI: SOLDI SOLO IN CASO MORTE ROMEO

3 febbraio 2017 Omniparlamento, Politica

Salvatore Romeo non sarà ascoltato in merito alla vicenda delle polizze intestate al sindaco Virginia Raggi. Stando a quanto si apprende, gli inquirenti hanno già ricostruito i flussi finanziari dell’ex capo della segreteria del sindaco, a partire dai primi anni 2000, periodo in cui sono state sottoscritte diverse polizze vita per un importo complessivo di circa 140 mila euro. In particolare, le stesso polizze non potrebbero essere riscosse dai beneficiari se non dopo il decesso del sottoscrittore. Solo Salvatore Romeo, in vita, avrebbe potuto incassare direttamente il denaro. Dunque, anche i due contratti di assicurazione dei quali risulta beneficiaria Raggi non darebbero alcun vantaggio economico al sindaco se non alla morte di Romeo. Lo stesso Romeo, secondo quanto emerso dagli accertamenti, avrebbe cambiato più volte i beneficiari delle polizze vite da lui sottoscritte, indicando causali non sempre aderenti alla realtà (in un caso indica una donna di nove anni più giovane di lui come “mia figlia”). Al riguardo non c’è alcuna indagine della procura e non sono state effettuate iscrizioni nel registro degli indagati. In merito alle due polizze della quale è stata indicata come beneficiaria da Romeo (una di 30 mila euro e una di 3mila euro), interrogata dal pm Francesco Dall’Olio e dal procuratore aggiunto Paolo Ielo, il sindaco ha risposto di non sapere nulla a riguardo. I contratti assicurativi stipulati da Romeo sono 7 presso Intesa Sanpaolo (per un totale di circa 100mila euro) e altri presso diversi istituti per un totale di 40mila euro. In questo caso, tra i beneficiari scelti da Romeo ci sarebbero dipendenti comunali. Sul punto negli ultimi giorni, sono stati sentiti alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle, che hanno spiegato di non essere al corrente della cosa e che non si tratta di una modalità di gestione del denaro tipica del movimento.