giovedì 24 agosto 2017 01:24:24
omniroma

Cura dimagrante per partecipate
Entro marzo verifiche esuberi

De Francesco (Faisa Confail): “Scongiurare questo scempio, rischi di ordine pubblico”

Possibile “cura dimagrante” in arrivo per le società di Roma capitale in cui la partecipazione del Campidoglio è maggioritaria. Il Dipartimento “Partecipate” del Campidoglio, infatti, ha inviato a tutte le società un sollecito a provvedere agli adempimenti previsti dal decreto Madia (Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica) in materia di ricognizione del personale.
“Entro il 23 marzo – si legge nella circolare – le società debbono provvedere alla ricognizione del personale in servizio, al fine di individuare eventuali eccedenze da inserire in un apposito elenco, con puntuale indicazione dei profili posseduti, da trasmettere alla Regione Lazio per successiva gestione delle procedure di mobilità in ambito regionale secondo modalità che saranno stabilite da apposito decreto interministeriale, allo stato non ancora emanato”.

La notizia ha allarmato immediatamente i sindacati: “Rimaniamo senza parole, questo è il risultato dell’accordo trasversale tra il Pd e il Movimento 5 stelle che attraverso il suo leader, prima delle elezioni, dichiarò che avrebbe fatto piangere i lavoratori del pubblico impiego -dichiara Claudio De Francesco, segretario Faisa Confail Lazio – Ci teniamo ad avvisare che se questo accadrà molto probabilmente si andrà incontro a dei problemi di ordine pubblico. Chiediamo a tutte le forze politiche, nonché a tutti i diretti interessati, di scongiurare questo scempio”.