martedì 19 settembre 2017 19:03:24
omniroma

Comunali, Salvini “balla” da solo
Fdi e Fi boicottano gazebo Lega

25 febbraio 2016 Politica

Saranno delle consultazioni in solitaria quelle organizzate dalla Lega Nord per decidere chi sostenere come candidato sindaco di Roma. Sia Fratelli d’Italia sia Forza Italia, infatti, non solo non chiederanno a elettori e militanti di partecipare a questa sorta di primarie, ma nemmeno intendono riconoscere il risultato che uscirà dai 40 gazebo che Matteo Salvini ha deciso di allestire a Roma sabato e domenica dopo lo strappo consumato sul nome di Guido Bertolaso. Il partito di Giorgia Meloni, inoltre, ha anche chiesto alla Lega di togliere dalla scheda che sarà consegnata nei gazebo il nome del deputato Fabio Rampelli, annunciando anche che nel caso Salvini dovesse definitivamente puntare su candidati diversi da Bertolaso salterebbe l’alleanza di centrodestra in tutta Italia.
“Abbiamo chiesto più volte e senza successo di organizzare primarie di coalizione in tutte le città al voto – fanno sapere da Fratelli d’Italia – Non si capisce perché invece andrebbero fatte solo a Roma e non abbiamo intenzione di riconoscerne il risultato”.
Sulla stessa lunghezza d’onda Forza Italia, che ieri ha riunito a Palazzo Grazioli i rappresentanti romani del partito con Guido Bertolaso in un incontro durato circa 3 ore. “Forza Italia non chiederà a militanti ed elettori di andare ai gazebo della Lega – spiega Davide Bordoni, coordinatore romano del partito – Siamo scettici su una consultazione che non avrà alcun tipo di controllo. Per noi il risultato sarà indifferente: abbiamo deciso tutti insieme di puntare su Bertolaso, compreso Salvini che poi ha frenato, e la macchina ormai messa in moto non si può fermare”.