giovedì 19 ottobre 2017 03:58:02
omniroma

Comunali, liste sotto lente Antimafia
La commissione controllerà i candidati

13 aprile 2016 Omniparlamento

Liste elettorali per le comunali di Roma sotto osservazione dopo lo scandalo Mafia capitale. Lo ha deciso la commissione parlamentare antimafia che, insieme a Roma, controllerà anche le liste in altri comuni italiani al voto il 5 e il 19 giugno. “L’Ufficio di Presidenza della Commissione parlamentare Antimafia, riunito oggi, ha concordato sulle linee generali della proposta di Relazione dell’on. Rosy Bindi sulla prevenzione delle infiltrazioni mafiose negli Enti locali in occasione delle elezioni amministrative – spiega una nota – La Relazione sottolinea la carenza di strumenti efficaci di controllo sulla trasparenza delle candidature, anche in relazione ai requisititi previsti dalla Legge Severino e avanza una serie di proposte che il governo potrebbe adottare con un provvedimento d’urgenza per agevolare il lavoro di verifica delle Commissioni elettorali”.
“Ai fini di una sempre più approfondita conoscenza delle modalità di condizionamento mafioso nelle amministrazioni locali, l’Ufficio di Presidenza ha concordato sulla necessità di avviare anche in occasione della prossima tornata elettorale una valutazione della realtà, seppure attraverso un campione significativo di Enti locali chiamati al voto – prosegue la nota – Di fronte al numero elevato di liste e candidati che saranno presentati in circa 1400 Comuni, è stato dato mandato alla Presidente Bindi di avanzare una proposta d’inchiesta che prenda in esame la situazione relativa ai Comuni sciolti per mafia, a quelli che negli ultimi 3 anni hanno avuto una commissione d’accesso (tra i quali Roma, ndr) e sono in amministrazione straordinaria o in amministrazione ordinaria, nonché quei Comuni che vanno al voto per pregresso scioglimento per mafia. Si tratta di una decina di Enti locali, per ciascuno dei quali sarà fatta una relazione con una valutazione complessiva che vada anche oltre i requisiti previsti dal codice di autoregolamentazione approvato dalla Commissione Antimafia”.