martedì 24 aprile 2018 05:05:06
omniroma

COMMERCIO, IN ARRIVO MODIFICA A DELIBERA 30: OK A STAND E MERCI ESPOSTE

14 marzo 2018 Politica

È pronta ed ha ottenuto parere favorevole, sia della commissione che degli uffici capitolini competenti, la proposta di delibera che modifica il tanto discusso regolamento del commercio su area pubblica.
A nove mesi dalla faticosa approvazione in assemblea capitolina, avvenuta tra le proteste delle associazioni di categoria, la nuova delibera “che non è un nuovo regolamento, ma modifica il precedente” ha spiegato Andrea Coia, presidente M5s della commissione capitolina commercio, nonché primo firmatario di questa e della precedente delibera, tecnicamente potrebbe arrivare in Aula Giulio Cesare già dalla prossima settimana.
Le modifiche approntate “permettono, mentre prima era vietato dalla delibera 30/2017, l’uso di stand, che siano però alti massimo 1,5 mt – ha spiegato Coia a margine della seduta – inoltre, consentono l’esposizione di merci appese al di fuori degli spazi del mercato, ma non a fronte negozio, per ragioni sia di sicurezza che di decoro”.
Ancora si conferma “la possibilità di somministrazione di prodotti alimentari in loco, secondo le percentuali già stabilite – ha aggiunto Coia – mentre la disciplina del periodo stagionale è stata allineata a quella regionale, che contempla i due periodi dal primo aprile al 30 ottobre e dal primo ottobre al 31 marzo”.
Sulla proposta nonostante la richiesta congiunta dei consiglieri di opposizione, la commissione capitolina Commercio, con i soli sei voti favorevoli della maggioranza M5s, ha oggi espresso parere positivo perché “io ricevo dagli operatori, a parte insulti e minacce, anche la richiesta di portare quanto prima in Aula la modifica”, ha spiegato Coia nel rifiutare la richiesta avanzata prima dal consigliere dem Orlando Corsetti e poi dal consigliere di Fdi Maurizio Politi di rinviare a una prossima seduta l’espressione di parere. Secondo Corsetti “la proposta di modifica ai consiglieri è arrivata lunedì, e vedo che le modifiche non sono soltanto quelle evidenziate. È impensabile oggi poter rilasciare un parere senza aver avuto il tempo giusto per studiare la proposta”, mentre per Politi “preoccupa il fatto che votiamo delle cose ma ne accadono altre. Questa modifica ha degli aspetti positivi ma se c’è un margine di aggiustamento, a meno che non abbiate già deciso tutto, è giusto avere il tempo di lavorarci in commissione. Perché come avvenuto la scorsa volta, dei centinaia di emendamenti, presentati da noi, ma scritti dalle associazioni di categoria, non ne avete approvato nemmeno uno”.
La delibera di modifica, su cui “sono pervenuti i pareri favorevoli da Ragioneria e Dipartimento Sviluppo economico, e parere contrario solo dal I municipio”, ha sottolineato Coia, in linea generale “accoglie alcune delle osservazioni fatte dalle associazioni di categoria – ha proseguito – , tuttavia ne sono arrivate anche delle altre di richieste di modifica nel frattempo, quindi anche la maggioranza porterà in Aula degli emendamenti”,
I tempi per l’arrivo in Aula Giulio Cesare saranno brevi perché “ho ricevuto diversi solleciti, anche dall’assemblea capitolina. La scelta delle opposizioni di non partecipare al voto in commissione è lecita, ma è una scelta e resta ferma restando la libertà di tutti, consiglieri di maggioranza e opposizione, di portare in Aula emendamenti”, ha concluso Coia.