mercoledì 13 dicembre 2017 06:17:28
omniroma

Circo Massimo, lavori in corso per il concertone
Stabilite misure sicurezza con metal detector

29 dicembre 2015 Cronaca

Lavori in corso a Circo Massimo per il concertone di Capodanno. L’evento, che sarà trasmesso in diretta su Rai Radio 2, vede sul palco Edoardo Bennato e i Negramaro. Attese circa centocinquantamila persone per il brindisi di mezzanotte. Sul fronte della sicurezza questa mattina il Prefetto Franco Gabrielli, ha presieduto una seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica nel corso della quale si è svolto un apposito focus sugli eventi programmati per il Capodanno e sui servizi da assicurare al fine di garantire la necessaria cornice di sicurezza. Per quanto riguarda il concertone sono state disposte le seguenti misure di sicurezza: chiusura della fermata della Metro “Circo Massimo” dalle ore 21; delimitazione di tutta l’area con transenne per permettere la canalizzazione dell’afflusso di persone; accessibilità all’area esclusivamente dai varchi presidiati e predisposizione di servizi specifici di controllo agli ingressi da parte delle Forze di Polizia, anche con metal detector; accesso dedicato alle persone diversamente abili presso l’area riservata in via del Circo Massimo, fronte Piazzale Ugo La Malfa; collocazione di presidi medici su Via dei Cerchi e Piazzale Ugo La Malfa. Disposte anche parziali chiusure al traffico veicolare. Il prefetto ha inoltre disposto il divieto di accesso all’area del Circo Massimo con bottiglie di vetro e artifici pirotecnici di ogni genere; saranno al riguardo allestiti specifici punti di raccolta a cura dell’Ama. I venditori ambulanti saranno posizionati su via del Circo Massimo e saranno comunque svolti specifici servizi volti al contrasto dell’abusivismo. “Il dispositivo di controllo si gioverà per l’occasione del rinforzo di circa 800 unità a disposizione della Questura – si legge in una nota della Prefettura – nonché dell’impiego di 750 agenti della Polizia locale di Roma Capitale ritenuti adeguati a garantire i servizi necessari”.