lunedì 21 agosto 2017 08:24:50
omniroma

Cinese morta, torna libero uno dei due che la derubò
Imputati patteggiano la condanna a due anni

28 febbraio 2017 Cronaca

Si è concluso con un patteggiamento il procedimento a carico dei due ventenni accusati di aver derubato Zhang Yao, la studentessa cinese investita da un treno nel tentativo di recuperare la refurtiva. Seferovic Sherif, difeso dall’avvocato Gianluca Nicolini, ha concordato una pena di due anni di reclusione e torna libero dopo un periodo di detenzione domiciliare. Il secondo imputato, Gianfranco Ramovic, ha invece patteggiato un anno e mezzo di reclusione e resta ai domiciliari. La vicenda risale allo scorso 5 dicembre, “A fronte di quanto accaduto – ha dichiarato l’avvocato Nicolini – il ragazzo ha tenuto un comportamento corretto, rientrando in Italia e assumendosi le proprie responsabilità di fronte alla giustizia”. Entrambi gli imputati, residenti nel campo nomadi di via Salviati, sono accusati di furto con strappo.