mercoledì 23 agosto 2017 14:02:27
omniroma

CENTRO, CONTROLLI CC IN B&B: PROPOSTA CHIUSURA PER 4 STRUTTURE

28 luglio 2015 Cronaca

Nella giornata di ieri, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno effettuato una serie di controlli, mirati a contrastare il fenomeno dell’ ”abusivismo” nel settore turistico-ricettivo. I controlli, d’intesa con Federalberghi Roma, hanno lo scopo di scoprire le strutture che esercitano un’attività turistico-ricettiva in forma illegale in quanto totalmente abusive, vale a dire prive di idoneo titolo all’esercizio dell’attività, o parzialmente abusive, in quanto operanti sul mercato con numeri di posti letto superiori a quanto disposto dal titolo abilitativo. Nello specifico, nel cuore del centro storico, i Carabinieri della Stazione Roma S. Lorenzo in Lucina, hanno denunciato in stato di libertà il titolare di un B&B, un 23 enne romano, per avere omesso la registrazione degli ospiti che alloggiavano nella sua struttura, da comunicare poi all’autorità di PS. Lo stesso titolare è stato sanzionato per assenza dell’autorizzazione o SCIA e mancata esposizione dei prezzi delle camere. Nel corso dei controlli, i Carabinieri hanno contestato sanzioni amministrative per un totale di 22.540 Euro: la titolare di un’attività di affittacamere è stata sanzionata per aver ampliato la capacità ricettiva della struttura, aggiungendo sei posti letto senza avere richiesto l’autorizzazione e per non aver esposto i prezzi delle camere; un altro titolare di un B&B è stato sanzionato per aver ampliato la capacità ricettiva facendola rientrare nella classificazione di “affittacamere”; per non aver esposto il cartello del percorso antincendio; per non aver comunicato telematicamente gli arrivi dei clienti e per non avere a disposizione dei clienti un telefono per le chiamate di emergenza; un altro titolare di un affittacamere è stato sanzionato dai militari per non aver registrato gli arrivi degli ospiti e per non avere installato un telefono per le chiamate di emergenza; il titolare di un altro B&B è stato sanzionato perché sprovvisto delle necessarie autorizzazioni per l’inizio dell’attività e per non aver esposto i prezzi delle camere; infine il titolare di un ulteriore B&B è stato sanzionato per aver ampliato la capacità ricettiva della struttura, facendola rientrare nella classificazione di “affittacamere” e per non aver esposto le autorizzazioni necessarie. Per quattro dei B&B non trovati in regola, i Carabinieri hanno richiesto il provvedimento di chiusura dell’attività al competente ufficio comunale. Altri quattro affittacamere, un B&B ed un appartamento per la locazione turistica transitoria, controllati dai Carabinieri sono stati trovati in regola con le autorizzazioni ed i locali sono risultati conformi alle prescrizioni di legge. (28 luglio 2015)