lunedì 18 dicembre 2017 16:12:20
omniroma

CAMORRA CAPITALE, CHIESTI 400 ANNI DI CARCERE PER 32 IMPUTATI

7 novembre 2016 Cronaca

Richiesta di condanna per i trentadue imputati finiti a processo, davanti ai giudici della quinta sezione penale del tribunale di Roma, nell’ambito dell’inchiesta denominata “Camorra capitale”. Le accuse, a seconda delle posizioni, vanno dall’associazione mafiosa all’associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsione, usura, reati contro la persona, riciclaggio, intestazione fittizia di beni, illecita detenzione di armi con l’aggravante del metodo mafioso. Le pene sollecitate dal pm Alessandro Di Taranto superano, complessivamente, 400 anni di reclusione. Per Domenico Pagnozzi, considerato dagli inquirenti a capo del sodalizio criminale, la procura ha avanzato una richiesta di condanna a trenta anni di carcere, così come per Massimiliano Colagrande. Secondo quanto emerso dalle indagini, il gruppo criminale di Pagnozzi, operava stabilmente nella zona sud-est della capitale. Nel luglio scorso, sei imputati coinvolti nella medesima inchiesta sono stati giudicati e condannati con rito abbreviato.