martedì 23 gennaio 2018 02:59:48
omniroma

Banda larga per 1,2 famiglie di Roma
Accordo tra Acea e Open Fiber

12 gennaio 2018 Economia

Siglata l’intesa tra l’amministratore delegato di Acea, Stefano Donnarumma ed Elisabetta Ripa, amministratore delegato di Open Fiber che definisce i termini dell’accordo per lo sviluppo di una rete di comunicazione a banda larga nella città di Roma.
Il progetto prevede la realizzazione di un’infrastruttura in fibra ottica destinata a offrire connettività ultra veloce agli abitanti della capitale nei prossimi 5 anni.
“È un’ occasione importante, credo sia chiara la valenza dell’attività che ci accingiamo ad affrontare per la città e per il piano ambizioso di dotare l’italia di un’infrastruttura moderna e innovativa. L’accordo ci consentirà di accelerare il nostro piano di sviluppo assieme ad Acea, che porterà a coprire 1,2 milioni di unità immobiliari nel perimetro urbano. Lo faremo nei prossimi 5 anni a partire da alcune zone. Lo faremo in altre zone utilizzando altre infrastrutture esistenti e lo faremo con il minor disagio possibile. È un piano importante, che ci vede realizzare 700 km di fibra e che vede realizzare 25 centrali sul perimetro urbano”. dichiara Elisabetta Ripa. “Il progetto occuperà mille risorse con dei picchi di 1.500 risorse nei prossimi 5 anni e i cantieri apriranno a partire dalla primavera. Inoltre l’investimento complessivo -aggiunge l’ad di Open Fiber- sarà di 375 milioni di euro di cui 350 milioni di euro saranno sostenuti da Open Fiber e 25 milioni di euro stanziati da Acea”.
Stefano Donnarumma, ad di Acea ha affermato che si tratta di:”Un progetto che abbiamo iniziato qualche mese fa. In 5 anni contiamo di collaborare con Open Fiber per la realizzazione di questa infrastruttura. Metteremo a disposizione non solo l’infrastruttura esistente ma anche quella parte di infrastruttura che nel corso dei prossimi 5 anni sarà caratterizzata da importanti interventi di ampliamento che sono previsti nel piano industriale di Acea. Ci sono alcune zone di Roma – aggiunge- in cui l’infrastruttura presente può essere utilizzata per l’inserimento della cablatura della fibra ottica. Per Acea questo è un momento importante”.
Luca Alfredo Lanzalone, presidente Acea ha detto: “Acea ha perseguito questo accordo fortemente. È un accordo sfidante. Crediamo in questo progetto il tutto in un’ottica di miglioramento della qualità della vita”, conclude.

“Inizieremo con Roma Sud, con quartieri vicini al nostro quartier generale. Poi interverremo nel centro storico e poi in parallelo sul tutto il resto del perimetro. Quindi Roma Sud, Eur, centro e tutto il resto”. Così l’amministratore delegato di Open Fiber, Elisabetta Ripa, rispondendo ai giornalisti sulle zone in cui si interverrà sulla banda larga a margine della conferenza stampa.