giovedì 26 aprile 2018 04:12:14
omniroma

Dagli allevamenti al biopetrolio
Così cambiano le aziende agricole capitoline

Una cinquantina di addetti (40 operatori di servizi ambientali e 6 operatori di servizi amministrativi) saranno assunti dal Campidoglio nell’ambito del progetto di rilancio delle aziende agricole di “Castel di Guido” e “Tenuta del Cavaliere”. Sempre per le aziende agricole, parte anche il processo di stabilizzazione per i 17 operai agricoli attualmente assunti con contratto a tempo determinato, contratto che per 15 di loro è scaduto il 31 marzo. È quanto previsto in una memoria approvata dalla giunta Raggi a firma dell’assessore all’Ambiente Pinuccia Montanari.
L’intenzione del Campidoglio, come annunciato nei mesi scorsi, è trasformare le due aziende agricole secondo modelli di eccellenza. Innanzitutto eccellenza nell’agricoltura biologica, con il ripristino dell’oliveto aziendale da tempo abbandonato, l’ampliamento delle colture presenti, la creazione di un marchio aziendale che valorizzi di prodotti biologici, la riapertura del punto vendita aziendale e l’apertura di ulteriori punti vendita a Roma, la predisposizione di un area per il compostaggio alimentato con gli scarti aziendali il cui prodotto sarà da riutilizzare in azienda. Seguono i modelli di eccellenza di: fattoria didattica; centro di educazione ambientale; gestione benessere animale attraverso la parziale e graduale dismissione degli allevamenti a fini produttivi; ricerca/incubatore di idee del “food waste” per la creazione di biomateriali (biopetrolio) derivanti da scarti vegetali; agricoltura sociale attraverso la promozione di attività sociali (campi scuola, centri anziani, orti urbani), turismo sociale (ospitalità a bambini, anziani, ragazzi in condizioni disagiate), attività legate all’archeologia, attività formative.
Un programma ambizioso, per il quale il Campidoglio ha intenzione di dotare le aziende agricole di risorse adeguate, considerato che al momento gli addetti sono solo 30 (12 operai agricoli a tempo indeterminato, 17 a tempo determinato e un impiegato amministrativo). Non è comunque scontato che la ricerca di personale vada in porto: già negli ultimi mesi del 2017, infatti, erano state avviate le procedure per l’assunzione di 24 operai agricoli a tempo determinato, previo avviamento del centro per l’impiego, ma al termine della procedura era risultato possibile assumere solo 2 persone.