venerdì 20 ottobre 2017 01:39:03
omniroma

ANTINORI, GINECOLOGO RIBADISCE AL GIP: RAGAZZA ERA CONSAPEVOLE

20 maggio 2016 Cronaca

È durato circa due ore l'interrogatorio di garanzia di Severino Antinori, il ginecologo arrestato nei giorni scorsi con l'accusa di aver prelevato degli ovuli da una paziente spagnola contro la sua volontà, a Milano. Stando a quanto si apprende, il medico, ascoltato nel carcere di Regina Coeli nel quale si trova da ieri, ha raccontando di aver conosciuta la ragazza in Spagna e ha illustrato gli accordi presi con lei per il prelievo degli ovuli. La ventiquattrenne, ha raccontato l'indagato, avrebbe firmato il modulo di adesione alla pratica di ovodonazione e avrebbe anche sottoscritto un altro modulo con il quale dava il consenso alla pratica di anestesia e sedazione. Inoltre, prima dell'intervento, la giovane avrebbe avuto un colloquio con un anestesista. In un altro passaggio dell'interrogatorio, lo stesso medico ha specificato che la ragazza, di professione infermiera, non ha mai lavorato presso la sua clinica. I legali di Antinori, oltre ad aver chiesto al gip Anna Maria Fattori la revoca dell'ordinanza di custodia cautelare -o in subordine il ritorno ai domiciliari del loro assistito, che verrà sottoposto a visita cardiologica e le cui condizioni di salute non sarebbero compatibili con il regime carcerario- hanno depositato gli esiti dell'accertamento psichiatrico e psicologico alla quale -come da prassi- è stata sottoposta la donna. Terminato l'interrogatorio -su rogatoria- gli atti saranno inviati alla procura di Milano, competente sul caso.