venerdì 22 settembre 2017 13:33:17
omniroma

“Conflitto di interessi per Marra”
Cantone invia delibera alla Procura

21 dicembre 2016 Cronaca, Omniparlamento, Politica

“A seguito di un esposto della Direr, l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha svolto attività di vigilanza su un possibile conflitto di interessi del dott. Raffaele Marra, direttoredel dipartimento Organizzazione e Risorse umane di Roma Capitale, nella nomina a capo della direzione Turismo del fratello Renato Marra. A tal fine è stata richiesta al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (Rpct) di Roma Capitale una relazione che ripercorresse l’iter seguito nell’interpello. A seguito dell’esame della suddetta relazione, nella seduta odierna il Consiglio dell’Anac ha ritenuto configurabile il conflitto di interessi. Tale situazione, secondo l’Autorità, sussiste sia nel caso in cui il dirigente abbia svolto un mero ruolo formale nella procedura, che nell’eventualità di una sua partecipazione diretta all’attività istruttoria, come sembrerebbe emergere dall’ordinanza sindacale n. 95/2016″.Così l’Anac in una nota.
“La delibera adottata dall’Autorità è stata trasmessa alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, alla struttura comunale competente per l’accertamento della eventuale responsabilità disciplinare e alla Procura regionale della Corte dei conti e all’Ispettorato della funzione pubblica per le questioni relative all’inquadramento del dottor Marra nei ruoli della dirigenza di Roma Capitale. Ulteriori elementi riguardanti la procedura di interpello sono stati chiesti al Rpct di Roma Capitale”, conclude l’Anac.

Intanto oggi ha lasciato l’incarico il capo della segreteria politica del sindaco Raggi. “Ho deciso di rinunciare all’incarico che mi è stato affidato dalla Sindaca. I fatti degli ultimi giorni non hanno lasciato spazio ad altra scelta – ha scritto in una nota Romeo – seppur difficile e sofferta è l’unica seria e possibile per il bene della città e delle istituzioni. Scelgo di fare un passo indietro ed evitare che attaccando la mia persona si possa nuocere allo straordinario lavoro che si sta svolgendo in Campidoglio”.
“Purtroppo ho commesso degli errori di valutazione, in considerazione delle vicende che hanno coinvolto Raffaele Marra, e di questo chiedo scusa a tutti i romani – continua Romeo – Voglio però sottolineare la mia assoluta estraneità alle inchieste giudiziarie che attualmente lo riguardano. Desidero che non risulti vano l’impegno speso in questi anni, prima da attivista e poi come capo della segreteria politica. In questo progetto ho creduto fin dall’inizio e negli ultimi anni ho dedicato tutta la mia vita privata e messo a disposizione le mie competenze professionali al servizio della città. Mi auguro che l’infaticabile lavoro dell’amministrazione possa trovare ora spazio sui mezzi di informazione e che non ci si continui a concentrare esclusivamente sulle polemiche. Ringrazio infine la Sindaca, la Giunta, i Consiglieri Comunali e Municipali e i Presidenti di Municipio: in questi mesi li ho visti lavorare con un impegno e una caparbietà non comune e senza risparmiarsi. Un grazie speciale a tutti gli attivisti che ho avuto modo di conoscere in questi anni e a cui auguro di andare avanti con determinazione, più forti di prima. La squadra è forte e solida e riuscirà a cambiare radicalmente il volto di questa città”.